LA CONVERSAZIONE RAE ARGENTINA AL MONDO

Intervista all’artista Tiziana Cera Rosco

In occasione del XIII Festival Internazionale di Poesia di Buenos Aires, venerdì 8 giugno abbiamo intervistato la poetessa ed artista Tiziana Cera Rosco.

Nata a Milano dove ci abita come se fosse straniera, Tiziana ci racconta che lei viene da Barrea, un paesino, pieno di animali forti, situato in Abruzzo.

Quando l’hanno invitata a partecipare al Festival di Poesia, le hanno chiesto di fare una performance e lei ha scelto il tema del Minotauro per chiudere il ciclo di testi scritti intorno a questa figura della mitologia greca.

L’artista ci spiega che alla base di tutto c’è la poesia, una specie di linguaggio preverbale. Lavora però con tutti gli elementi che ha a disposizione: la fotografia, la scultura, la performance, l’istallazione.

Ha pubblicato diversi libri di poesia, è tradotta in 4 lingue, ospite di numerosi festival nazionali ed internazionali, di residenze d’arte, gallerie, convegni e monasteri.

Nel suo lavoro si rintraccia l’idea umanista di artista totale che usa ogni mezzo artistico e naturale disponibile per la manifestazione di una visione che ha sempre a che fare col sacro, anche il sacro naturale.

Secondo Tiziana, la poesia è l’unica cosa che la guida, è “l’unica luce dentro la notte”.

 

Intervista: Caritina Coulich – Chelo Ayala / Fonico: Guillermo Vega / Web: @CheloAyala